Dove vendere l’oro usato in tutta sicurezza

A volte siamo costretti a dover vendere l’oro che abbiamo per una scelta obbligata.
Far fronte a delle spese per via di una spesa improvvisa oppure per avere soldi liquidi.
Prima di vendere l’oro dal compro oro bisogna però seguire un iter burocratico.
Si parte con la valutazione dell’oro, proprio per cercare di avere più offerte possibili: molti compro oro decidono appunto di valutare prima per poter capire quanto andranno a spendere e dunque bisognerà farsi fare delle attente valutazioni.
Per poter vendere oro senza problemi, si va dal negozio con un documento di identità che servirà al commerciante per l’identificazione. Ogni negozio dispone di un registro per via di una legge che impedisce la compravendita di oro di illecita provenienza.
In questo modo potrà mettere a disposizione il registro su eventuale richiesta delle autorità competenti. Su questo registro viene ovviamente registrato tutto: dalla natura fino al peso in grammi. Ogni dettaglio verrà registrato per evitare eventuali problemi con la legge e servirà a chiunque per poter fare delle indagini, ma anche per lo stesso compratore ed è un’eventuale tutela.

 

Il metodo di pagamento consentito è quello in denaro contante fino a 3000 Euro e con bonifico o assegno circolare per cifre superiori.
I commercianti devono seguire prima qualche obbligo. Infatti l’oro deve rimanere nel negozio per almeno dieci giorni, in modo tale che le autorità possano capire se questo oro è frutto di un illecito oppure se è tutto in regola. Passati i dieci giorni l’oggetto potrà essere fuso. P
rima della fusione non si può riacquistare l’oggetto in questione.
Fate attenzione a tutte le valutazioni oro che vi verranno fatte, quelle sopra i 50 Euro sono del tutto fasulle e nascondono sicuramente qualche sotterfugio.
Il proliferare di compro oro ha aumentato i furti proprio per la facilità di rivendita, dunque non bisogna mai muoversi sprovvisti di appositi documenti e senza conoscere tutto l’iter burocratico per poter vendere l’oro.

Comments

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*